Ai Notai restano le compravendite immobiliari sotto i 100 mila euro

0 Intervento della Camera riporta ai Notai le compravendite immobiliari, sotto i 100.000 euro
image_print

Novità alla Camera dove la commissione Giustizia ha dato parere favorevole al testo del D.L. concorrenza, ma a patto che vengano rispettate alcune condizioni, tra cui la soppressione dell’articolo che elimina il passaggio notarile per le compravendite immobiliari, non residenziali, sotto al valore catastale di 100.000 euro (stessa cosa per la costituzione di srl semplificate); lasciando inalterata la situazione attuale. Si ricorda che nel testo del Decreto Legge, si prevedeva per la situazione sopraindicate, la possibilità dell’utilizzo di professionisti diversi dai Notai, come avvocati o commercialisti.  Quindi un punto a favore per i notai, anche se l’iter del provvedimento non è ancora concluso. La norma aveva provocato notevoli polemica, tanto che il consiglio nazionale del Notariato aveva denunciato possibili costi sociali, se il provvedimento avesse avuto attuazione. Secondo la Commissione Giustizia, vi sarebbero “evidenti profili di criticità” nella norma e “non apparendo compatibile con taluni principi generali dell’Unione europea, tra i quali quello della certezza giuridica”, dal momento che il notaio esercita “un controllo di legalità e di liceità” attraverso diverse verifiche; un “sistema di regole” che “non è estendibile alla categoria degli avvocati”. Inoltre sarebbe anche “contraria al principio costituzionale della ragionevolezza, dal momento che il valore economico degli immobili, sia pure limitato, non può rappresentare il parametro sul quale graduare il livello di certezza giuridica”, si tratterebbe insomma di “certezza affievolita per gli immobili di modesto valore economico”.

Lascia Una Risposta