Assicurare le locazioni a rischio

0 Assicurare le locazioni a rischio, da una indagine di “Assicurazione.it” e “Facile.it” sono in netto aumento le polizze sugli affitti.
image_print

Secondo un’indagine fatta da due portali specialistici “Assicurazione.it” e “Facile.it”, sono in netta ascesa le polizze utilizzate contro le locazioni a rischio, chiamate comunemente “Affitto assicurato”. Queste consistono in prodotti specifici, che le compagnie propongono a fronte del pagamento di un premio, mettendo al sicuro il proprietario di casa dalle eventuali morosità. I premi dipendono dall’importo dell’affitto e alle caratteristiche dell’immobile. La variazione può oscillare tra l’1,4% e il 2,5% del canone annuo, con un possibile rimborso, fino a 12 mesi, dell’affitto non versato dall’inquilino inadempiente fino a 12 mensilità.  Sono inoltre contemplati i danni, come le spese condominiali non pagate o le spese legali affrontate per lo sfratto. Comunque ci possono essere accordi tra locatore e locatario che conducono ad uno sconto sul canone, in cambio di garanzie date dall’inquilino. Secondo l’indagine l’utilizzo di questi strumenti assicurativi, potrebbe assicurare quella sicurezza che manca ai proprietari per dare in locazioni i propri immobili, avendo cosi un ruolo propulsore al mercato dei fitti. Infatti secondo i dati Istat, vi sono più di 7 milioni di case vuote, il 22% circa del patrimonio immobiliare generale cioè  1 su 5. Se la metà sono case vacanza, il resto potrebbe considerarsi vuoto per la paura di fare una locazione a rischio. Pertanto queste polizze potrebbero dare quelle sicurezze, che oggi mancano al mercato degli affitti.

Lascia Una Risposta