Nella legge di Stabilità 2016 novità sull’acquisto prima casa

0 Nella legge di Stabilità 2016 novità sulle agevolazioni acquisto prima casa, è più facile cambiare abitazione.
image_print

Una novità positiva per l’acquisto della prima casa, la troviamo nella legge di Stabilità 2016. Infatti non è più d’impedimento il possesso di un’altra abitazione acquistata con i benefici fiscali, purché sia alienata entro un anno. Cioè il presupposto della non “contemporaneità” potrà essere realizzato in un secondo momento. In sostanza vi è la possibilità di comprare la prima casa anche quando non si è ancora venduta quella vecchia, a patto di alienarla entro un anno dal nuovo rogito. Nel caso in cui tale condizione non si realizzi, si renderanno applicabili le imposte ordinarie, gli interessi e la sanzione del 30% sulla differenza d’imposta. Il termine usato nella legge è “alienazione” e non di “vendita”, pertanto potrebbe (formula dubitativa) essere sufficiente anche una donazione. I benefici prima casa consistono nell’applicazione di aliquote ridotte, per l’imposta proporzionale di registro al 2% del valore catastale del fabbricato, con un minimo di 1.000 euro, nonché delle imposte ipotecaria e catastale di 50 euro ciascuna. Mentre per il regime dell’IVA, il beneficio consiste nell’applicazione dell’aliquota ridotta al 4% sul prezzo di vendita. Sono inoltre dovute le imposte di registro, ipotecaria e catastale di 200 euro ciascuna, l’imposta di bollo, i tributi speciali catastali e le tasse ipotecarie.

I requisiti per usufruire di queste agevolazioni, rimangono invariati e sono:

  1. L’abitazione deve essere situata nel territorio del comune in cui l’acquirente ha o stabilisca entro 18 mesi dall’acquisto la propria residenza, oppure nel territorio del comune in cui egli svolge la propria attività o, se trasferito all’estero per ragioni di lavoro, in quello in cui ha sede o esercita l’attività il soggetto da cui dipende. Nel caso in cui l’acquirente sia cittadino italiano emigrato all’estero, deve trattarsi della prima casa sul territorio italiano; la dichiarazione di voler stabilire la residenza nel comune in cui è situata l’abitazione acquistata deve essere resa, a pena di decadenza, nell’atto di acquisto;

  2. Nell’atto di acquisto l’acquirente deve dichiarare di non essere titolare esclusivo o in comunione con il coniuge dei diritti di proprietà, usufrutto, uso e abitazione di altra casa di abitazione nel territorio del comune in cui è situato l’immobile da acquistare;

  3. Nell’atto di acquisto l’acquirente deve dichiarare di non essere titolare su tutto il territorio nazionale, neppure per quote, anche in regime di comunione legale, dei diritti di proprietà, usufrutto, uso, abitazione e nuda proprietà su altra casa di abitazione acquistata dallo stesso soggetto o dal coniuge con le agevolazioni “prima casa” che si sono susseguite dal 1982 in poi.

Lascia Una Risposta