Sanitari sospesi, iniziamo a capire

0 Cerchiamo di capire meglio questo tipo di sanitari cosi particolari e moderni. Quali sono le loro caratteristiche tecniche e quali i pregi e i difetti, attraverso una valutazione utile per una scelta consapevole.
image_print

I sanitari sono una parte fondamentale nella composizione e dell’arredo di un bagno, sia per l’aspetto funzionale e dell’uso, sia per la razionalità, la fruibilità e la comodità dello spazio bagno. Inoltre sono fondamentali per l’aspetto estetico e della bellezza della stanza bagno, essendo l’elementi essenziale del suo arredamento in tutte le sue componenti. Per questo si cercano sempre nuove proposte di design, sempre attente alle ultime tendenze, da abbinare allo stile di mobili e rivestimenti. Quindi possiamo scegliere tra i sanitari più tradizionali, oppure fare una scelta più moderna ed elegante, preferendo i sanitari sospesi. Questi riescono a garantire numerosi vantaggi, sia dal punto di vista estetico che di funzionalità, essendo pratici, igienici e salva spazio. Sono chiamati cosi, perché la loro caratteristiche è quella di essere rialzati da terra, tenuti a mezz’aria grazie a solidi ancoraggi alla parete, attraverso fissaggi nascosti che dovranno essere in grado di sorreggerne il peso. Oltre che supportare le pressioni derivanti dagli usi che se ne fanno quotidianamente.


Supporto sanitari sospesi

Supporto sanitari sospesi


Cerchiamo adesso di capire meglio questo tipo di sanitario cosi particolare, attraverso una guida che possa essere utile per una scelta consapevole. La differenza tecnica principale con i sanitari a pavimento è la posizione degli scarichi, i quali possono scaricare le acque nere a pavimento o a parete, dipende dal modello, mentre quelli sospesi lo possono fare soltanto a parete. Per questo il fissaggio e lo scarico a parete richiedono un muro di spessore adeguato cui addossare i sanitari, ossia di almeno 12 cm senza considerare intonaco e piastrelle. Nelle abitazioni esistenti questa esigenza non è sempre soddisfatta, se troviamo il classico tramezzo composto da mattone forato da 8 cm e intonaco sui due lati. Quindi se lo spessore è insufficiente, si può ricorrere alla realizzazione di un muretto addossato al muro esistente, tale da poter ospitare il tubo di scarico e i fissaggi. I sanitari sospesi non necessitano sempre di accorgimenti maggiori rispetto a quelli a pavimento, anzi, a volte permettono di realizzare bagni impossibili con l’utilizzo di sanitari con scarico a pavimento. Cerchiamo adesso di fare una valutazione tra i vantaggi e gli svantaggi della scelta per il sanitario sospeso. Partiamo da quelli che consideriamo gli aspetti positivi e tra questi troviamo senz’altro la parte estetica, visto il successo riscosso negli ultimi anni, sia da parte dei progettisti che da parte degli utenti. Sicuramente hanno un forte impatto visivo, in quanto riescono a donare luminosità ed ampiezza al bagno apparendo più leggeri e donando una visione completa e continua del pavimento, tale da creare un effetto di dilatazione dello spazio bagno. Soprattutto nel caso di piastrelle che riproducono motivi grafici o elementi decorativi in sequenza, non causandone l’interruzione come avviene con i tradizionali sanitari a terra. Inoltre risultano particolarmente utili per bagni di piccole dimensioni poiché, essendo installati direttamente alla parete, quindi con un minore ingombro, permettono di guadagnare vantaggiosi centimetri. Per la loro silenziosità, in quanto le tubazioni di scarico sono collocate nell’intercapedine della parete e pertanto non trasmettono le vibrazioni sonore alla struttura dell’edificio, riducendo eventuali suoni poco piacevoli. Un altro aspetto molto apprezzato e senz’altro la possibilità di consentire una maggiore igiene grazie alla facilità nella pulizia, dato che il pavimento sotto gli stessi può essere pulito al meglio, come per la carena che sarebbe la base del sanitario. Ma non tutti i modelli hanno questa prerogativa, pertanto è preferibile scegliere modelli che hanno una presenza di uno spazio sufficiente da terra. Il fatto di essere sospesi, elimina la necessità dell’uso dell’antiestetico silicone, soggetto all’usura del tempo e quindi apparire sgradevole se non sistemato opportunamente. Valutiamo adesso gli aspetti negativi, partendo dai costi che sarebbero maggiori rispetto ai modelli tradizionali, sia per l’acquisto dei sanitari sia per la loro installazione. Questi tendono ad aumentare se si interviene in un bagno esistente, in quanto necessitano di un intervento di muratura per spostare gli scarichi da terra a parete, verificando la fattibilità tecnica e cioè lo spessore del muro. Da qui la valutazione degli svantaggi di tipo strutturale, poiché la parete, come sopradetto, per ospitare gli scarichi deve avere necessariamente una profondità minima, di almeno 12 centimetri al netto di intonaco e rivestimento. In modo tale da sostenere il sanitario e la persona e da permettere l’inserimento della tubatura. Nel caso in cui il muro non fosse sufficientemente spesso, sarà necessario intervenire per realizzare una contro muratura per l’alloggiamento dello scarico, perdendo così il vantaggio del ridotto ingombro e facendo anche aumentare i costi.


Contro parete sanitari sospesi

Contro parete sanitari sospesi


Rimane sempre l’ipotetico svantaggio di una posa in opera non corretta che porterebbe nel tempo, al cedimento dell’impianto e quindi al crollo del sanitario. Non rimane che scegliere i prodotti più adatti alle nostre esigenze estetiche, pratiche e di spazi da utilizzare e, non ultimo per importanza, economiche. Orientarsi tra i tanti modelli che il nostro ricco mercato ci offre, comporta molta attenzione, per poter scegliere al meglio tra varie soluzioni per forma, dimensioni e materiali diversi anche dalla ceramica.

 

 

Lascia Una Risposta